Soltanto uniti si vince!

Tra i circa 8.000 Comuni presenti in Italia, nel 2018, soltanto 435 (poco più del 5% del totale), hanno collaborato nel contrastare l’evasione fiscale.

Purtroppo la realtà geografica non aiuta, il 70% dei Comuni italiani ha una popolazione inferiore ai 5.000 abitanti, costituendo ciò un limite in termini di risorse economiche e professionalità tali da poter attivare le misure di contrasto.

Incomprensibile invece l’atteggiamento dei sindaci delle grandi aree urbane, in particolar modo del Mezzogiorno, dove fatta eccezione per Reggio Calabria, questo tipo d’attività è praticamente nulla.

Milano è l’amministrazione più ‘virtuosa’, seguono Genova, Prato, Torino, Bergamo e Reggio Emilia.

Occorre sottolineare che dal 2005 si sono susseguiti diversi provvedimenti rivolti a migliorare la collaborazione negli accertamenti riferiti ai tributi erariali attraverso importanti incentivi economici, infatti dal 2012 la quota riconosciuta sulle maggiori entrate tributarie recuperate dall’attività di accertamento dei Comuni è pari al 100 %.

Pertanto forza e coraggio cari amministratori locali, la lotta all’evasione fiscale va combattuta tutti insieme, perchè sia affermato ogni giorno il rispetto di quella norma di civiltà e solidarietà menzionata all’articolo 53 della nostra Costituzione.